Torna alla lista annunci

Digital marketing

FUMAGALLI INDUSTRIA ALIMENTARE SPA



Sei un/una giovane laureato/a in Comunicazione e Marketing? Sei appassionato di Social Media?
Siamo alla ricerca di una risorsa da inerire nell’ufficio Marketing e Comunicazione, alla quale fornire un percorso formativo finalizzato ad acquisire conoscenze e competenze per supportare il responsabile di funzione in ambito: digital & social marketing – comunicazione - e-commerce.

REQUISITI:

- Ottime capacità comunicative
- Forte passione per il marketing digitale e l’e-commerce
- Fantasia e proattività
- Ottima conoscenza della lingua inglese (scritta e parlata)
- Disponibilità full time 8.00-12.00/13.00-17.00


L’azienda Fumagalli Industria Alimentari S.p.A. ha origine negli anni ’20 quando la famiglia Fumagalli, proprietaria di un negozio di salumeria a Meda (Mb) affiancato da un laboratorio di trasformazione delle carni suine iniziò la produzione di salumi cotti e salami stagionati.
Dopo il primo stabilimento sorto negli anni ’30, si è avuta una continua espansione dell’attività che ha portato alla nascita nel 1961 dell’attuale Fumagalli Industria Alimentari S.p.A.. La Società è divenuta una delle più importanti realtà italiane del settore dei salumi; Sin dagli anni ’90 Fumagalli gestisce e controlla direttamente tutte le fasi produttive: allevamento, macellazione, trasformazione delle carni e stagionatura. Una filiera gestita da un unico soggetto che non solo documenta la rintracciabilità e il percorso della materia prima, ma garantisce verifiche costanti sulla stessa, attuando i più alti standard di benessere animale, senza tralasciare le problematiche ambientali. Un sistema unico in Italia e tra i pochi in Europa. La carne che Fumagalli utilizza per la propria produzione deriva da suini del circuito Parma, animali di origine nazionale di peso minimo 160kg allevati con elevati standard di benessere.
La Fumagalli ha un fatturato di ca 40 milioni di cui il 70% destinato all’esportazione Il principale mercato è quello Inglese con il 36% seguono Italia con il 32% la Svezia con il 9% la Germania con il 6% la Francia con il 6% la Svizzera con il 2,50% Olanda con 2% il Giappone con il 2% Norvegia 1% Brasile 1% altri mercati 2,50%


Candidati